I bianchi monoliti del tempo

Una visione, un’idea, una progettazione totalmente realizzata al computer e basata sugli effetti speciali della CGI di cui è un grande fan. Tutto questo è Northern Wisps, il progetto di Bartosz Domiczek, architetto polacco a capo dello studio arch-viz, specializzato nel marketing dell’architettura contemporanea. Questo progetto è stato nominato ai Premi CG 2018, grazie alla sua bellezza e la sua complicata semplicità. Il concorso prevedeva di inserire in un luogo a scelta la propria opera, in questo caso un elemento prefabbricato, anche se ancestralmente molto bello, come questo monolito bianco. L’ambientazione scelta è l’Islanda, a Thormörk. Bartosz ha inserito in un ambiente reale i suoi monoliti, tra colline brulle e aree boscose.

“Le mie capanne vogliono essere un mix tra le atmosfere di una vecchia casa costruita attorno ad un camino e l’idea di divinità nordiche che ci osservano dai costoni delle montagne”.

bartosz domiczek

Il risultato è spettacolare e tocca le corde più sensibili di ognuno di noi. Questo è un work in progress. Se volete tenervi aggiornati e/o sapere di più seguitelo su bartosz-domiczek.com, il sito da dove sono state prese queste immagini frutto di un lavoro intenso e geniale.

Nuotando in città

L’artista americana Carole Feuerman, è considerata uno dei più importanti scultori iperrealisti del mondo. Insieme a Duane Hanson e John De Andrea, hanno dato vita al movimento iperrealista dalla fine degli

continua