Il mondo snodabile e tenero di Anna Mantzaris

Un mondo abitato da teneri pupazzi, gioiosi e un pò maldestri, è quello inventato da Anna Mantzaris, regista e animatrice svedese. La magia inizia creando un’armatura a filo, una specie di scheletro, su cui montare della schiuma, tipo quella presente nei nostri materassi. Da questa base si passa a scolpire la forma vera e propria del pupazzo e lo si ricopre di feltro, con cui si creano anche tutti i vestiti che lo rivestono. Un lavoro laborioso che impiega almeno due settimane per la preparazione del singolo soggetto. Ovviamente più la complessità dei tratti e le movenze da realizzare sono complicati, più il tempo della realizzazione si allunga.

“Un processo speciale in cui oltre a realizzare ogni singolo pupazzo, devi anche creare oggetti e scenografie in cui girare le diverse scene del film. E per ultimo sei anche il regista che girerà le scene. Il tutto è un processo lungo ma immensamente divertente”.

anna mantzaris

Anna ha lavorato in tanti short pubblicitari e ultimamente, come animatrice, al fianco di Wes Anderson nel suo L’isola dei CaniPuoi scoprire di più sui pupazzi di Anna e i suoi lavori visitando il suo sito

Nuotando in città

L’artista americana Carole Feuerman, è considerata uno dei più importanti scultori iperrealisti del mondo. Insieme a Duane Hanson e John De Andrea, hanno dato vita al movimento iperrealista dalla fine degli

continua