Un’astronauta perso nel tempo

Un mondo sommerso e solitario fatto di rovine, riferimenti ad icone pop, vecchi marchi di prodotti di tendenza, loghi aziendali, carcasse di automobili, dinosauri e un’astronauta solitario. L’ultimo uomo sulla Terra? o uno sguardo disincantato sul mondo effimero in cui viviamo oggi filtrato dalla presenza dell’astronauta? Tra ironia e denuncia sociale del nostro presente consumistico e futile, Scott Listfield ci fa riflettere e ci incanta con paesaggi alla Stanley Kubrick e al suo 2001: Odissea nello spazio.

Reliquie di un passato urbano

Alla ricerca di luoghi abbandonati, cimeli del passato, ville, magazzini, industrie, luoghi di produzione un tempo oggi semplici ruderi lasciati a marcire nella natura. Il

continua

Come lo faccio il packaging?

Counter-Print Packaging: una selezione dei migliori lavori, una moderna esplorazione del design del packaging. Questo libro raccoglie i migliori progetti realizzati da agenzie e freelancer,

continua